Apple Play può spingere i Pagamenti Mobili

Apple Play potrebbe sparigliare le carte nel mercato degli M-payments, i pagamenti wireless che trasformeranno gli iPhone 6 e i Plus in borsellini elettronici. Apple entra nel mercato dei pagamenti mobili con Apple Pay, sfrutttando la tecnologia NFC (near-field communication). Il sistema Apple Pay, che fondato sul Touch ID, è immediato e intuitivo: è sufficiente mettere il telefono vicino ad uno scanner, toccare il TouchID e il pagamento è fatto. Eddy Cue ha spiegato che il nuovo iPhone ha la tecnologia NFC (Near field communication) ma anche un nuovo chip chiamato Secure Element che cripta le informazioni e aiuta a tenere le carte di credito in Passbook.

Secondo Bloomberg, l’azienda di Cupertino dovrebbe guadagnare un tot da ogni transazione mobile condotta con Apple Play su iPhone 6 e 6 Plus Apple ha stretto alleanze con Visa, MasterCard e American Express, oltre a 6 banche USA, per spingere l’uso dei dispositivi mobili per lo shopping. In Italia Apple deve ancora stringere gli accordi con le banche italiane.

Negli Stati Uniti, Apple ha firmato intese con le carte di Bank of America, Capital One Financial, JPMorgan Chase, Citigroup e Wells Fargo ed altre banche, che rappresentano l’83% del volume degli acquisti di carte di credito.

Il produttore di iPhone ha già guadagnato il sostegno di Bloomingdale’s, Macy’s, McDonald’s , Sephora USA, Subway Restaurants, Walgree, Whole Foods Market ed altri negozi.

Apple copnta 800 milioni di account su iTunes: sono utenti che acquistano libri, musica e apps, ora pronti a innovare i propri acquisti nel mondo reale coi pagamenti mobili, i micro-pagamenti wireless, m-payment alla portata di un click sull’iPhone 6.

Negli USA il business delle carte di credito e debito è un business che vale, ogni giorno, 12 miliardi di dollari, per un giro d’affari pari a 4 trilioni all’anno. Solo negli Stati Uniti.

Il mercato dei pagamenti mobili passerà dai 12.8 miliardi di dollari nel 2012 ai 90 miliardi di dollari nel  2017, registrando una crescita del 48% rispetto al 2012, secondo Forrester Research.

Apple Play sfida PayPal di eBay, Square e Stripe.

I chip NFC sono inclusi in 300 milioni di smartphone (dati 2013), equivalenti a circa un terzo degloi smartphone venduti. Il numero di dispositivi abilitati con NFC salirà nel 2014 a 550 milioni di device (compresi Android e Windows Phone), come riporta Gartner. Ma finora nessuno è riuscito a far decollare gli m-payment.

Il market share di iPhone, che contribuisce a più di metà del fatturato di Apple, è sceso dal 13% di un anno fa all’11.7% (IDC). Ma Apple Pay potrebbe trainare le vendite di iPhone e Watch.

fonte: http//www.itespresso.it/

Comments are closed.